3e32 Naufragio di terra

l'Aquila 28 aprile 2012

A poco più di tre anni dal sisma che ha sconvolto L’Aquila, la Società Aquilana dei Concerti “B. Barattelli” presenta in prima esecuzione assoluta 3e32 Naufragio di terra nuovo lavoro di Lucia Ronchetti, fra le più interessanti compositrici italiane di oggi, ideato da Guido Barbieri che ne ha curato la drammaturgia e la messa in scena.

Un’opera che vuole essere un modo di attraversare la memoria e l’esperienza umana che ha lasciato il terribile sisma avvenuto alle ore 3.32 del 6 aprile 2009, con le sue oltre trecento vittime e che ha causato le devastazioni materiali che hanno sfigurato la città dell'Aquila e i suoi dintorni.
La prima rappresentazione sarà sabato 28 aprile alle ore 21 (ingresso libero) nella Basilica di S. Maria di Collemaggio, uno dei monumenti simbolici e più colpiti della città, aperta al pubblico e al culto nel 2010 dopo delicati lavori di messa in sicurezza.
Protagonisti della serata saranno sette testimoni di quella tragica notte, le cui storie sono state raccolte e trascritte da Guido Barbieri: Massimo Cinque, Ilaria Carosi, Federico Vittorini, Claudio Bendetti, Federica Fioravanti, Renza Bucci, Roberto Bonura, ciascuno dei quali ha vissuto direttamente la perdita di uno o più cari, parenti e amici.
La musica di Lucia Ronchetti è affidata a cori misti (Corale “L’Aquila” e il Coro AMLAS di Albano Laziale (Giulio Gianfelice e Anna Di Baldo, maestri dei cori) e al gruppo vocale Ready-Made Ensemble diretto da Gianluca Ruggeri.
E’ lo stesso Guido Barbieri, direttore artistico della Barattelli, a spiegare il perché della scelta della Basilica di S. Maria di Collemaggio: “La Basilica di Collemaggio, costruita alla fine del 1200 e riaperta nel 2010, testimonia insieme la continuità della tradizione e la tragica discontinuità generata dal terremoto, attraverso uno sventramento interno, tuttora dolorosamente visibile, proprio nel luogo deputato dell’altare, dove vi erano la cupola, l’arco trionfale e l’aggancio con le tre navate. Il tetto in quel punto è ora completato da lamine trasparenti che lasciano vedere il cielo e trasmettono i suoni atmosferici, gli scricchiolii della ‘protesi’ architettonica, generando una nuova instabilità, questa volta anche acustica”.
Prendendo spunto dal rito delle tenebre che nell’antica tradizione cristiana prevedeva che il mercoledì santo venisse acceso, nel presbiterio della chiesa madre, un grande candelabro con quindici braccia le cui candele venivano spente una dopo l’altra al termine di ogni cantico o salmo, passando lentamente dalla luce all’oscurità, il candelabro del rito delle tenebre riproposto da 3e32 Naufragio di terra  sarà simbolizzato da sette testimoni, persone che realmente e direttamente hanno vissuto la catastrofe, che assumeranno nello spazio scenico della Basilica una posizione precisa ricordando proprio la configurazione di un grande candelabro. Le loro voci rappresentano le fiammelle che bruciano e poi si estinguono.
“La drammaturgia ideata da Guido Barbieri – racconta Lucia Ronchetti - evoca il suono controllato della preghiera corale e allo stesso tempo mette in scena la concretezza materica della voce parlata che testimonia e ripercorre l’evento tragico del terremoto subito. Ma il ‘Naufragio di terra’ detta anche il sibilo del vento, la violenza delle zolle di terra rivoltate, lo sprofondare di case, oggetti e persone, la desolazione del presente. Le masse corali sono chiamate a rappresentare il subito prima e il subito dopo di quell’attimo infernale delle 3 e 32 del 6 aprile 2009 in cui tutto si è rovesciato, il ‘naufragio della terra’ che ancora una volta viviamo da spettatori, spaventati e salvi”.
Nata a Roma nel 1963, Lucia Ronchetti è oggi una musicista in possesso di una formazione culturale completa. Ha studiato composizione e musica elettronica presso il Conservatorio Santa Cecilia e Filosofia presso l’Università La Sapienza di Roma. Come compositrice ha proseguito gli studi con Salvatore Sciarrino e, a Parigi, con Gerard Grisey e Tristan Murail; sempre a Parigi si è dottorata in musicologia presso l’Ecole Pratique des Hautes Etudes en Sorbonne. Ha ottenuto prestigiose residenze artistiche (Akademie Schloss Solitude di Stoccarda, Mac Dowell Colony di Peterbourough di Boston, Forum Neues Musiktheater della Staatsoper di Stoccarda, Corporation of Yaddo di New York, etc) e importanti collaborazioni con teatri e istituti europei, con prime esecuzioni assolute eseguite dall’Orchestra della Rai di Torino, Bayerische Staatsoper di Monaco, Konzerthaus di Berlino, Festival d’Automne di Parigi, il Nationaltheater di Mannheim e il Semperoper di Dresda (dove per il 2012-15 è prevista una nuova opera di teatro musicale ripartita in tre stagioni). La casa discografica Stradivarius ha già pubblicato due CD con sue musiche (Portrait nel 2009, e Xylocopa violacea nel 2011)
’Aquila, Basilica di S. Maria di Collemaggio
Sabato 28 aprile 2012, ore 21
“3 e 32” Naufragio di terra (2012) nel terzo anniversario del sisma (6 aprile 2009)
drammaturgia per 7 testimoni e cori misti, musica di Lucia Ronchetti, ideazione, drammaturgia e messa in scena di Guido Barbieri
prima esecuzione assoluta 
Ready-Made Ensemble - Gianluca Ruggeri, direttore
con la partecipazione di
Coro AMLAS di Albano Laziale (Anna Di Baldo, maestro del coro), Corale L’Aquila (Giulio Gianfelice, maestro del coro)
commissione Società Aquilana dei Concerti “B. Barattelli” 
in collaborazione con
Fondazione “6 aprile per la vita” ed. Edizioni RAI Trade

Roma 14 novembre 2013

50° festival di Nuova Consonanza - Fondamenta

Roma 3 novembre - 15 dicembre 2013

Nel 2013 l’Associazione Nuova Consonanza giunge al 50° Festival festeggiando il traguardo con le opere di alcuni soci fondatori: Bortolotti, De Blasio, Evangelisti, Guaccero, Macchi e Pennisi.
Un ritorno alle origini, alle Fondamenta appunto, per ritrovare le ragioni di quel linguaggio musicale che ha aperto strade e, ancora oggi, è carico di futuro. L’omaggio finale, dedicato al tedesco Manfred Trojahn, riannoda i legami con una cultura tedesca, oggi fortemente mutata, ma sempre proiettata verso il nuovo.
Fausto Sebastiani (Presidente di Nuova Consonanza)
Vorrei augurare a "Nuova Consonanza" non altri 50 ma altri 500 anni per l’attenzione che ha rivolto in questi difficilissimi  decenni alla musica contemporanea. L’interesse, soprattutto, alla nuova produzione è purtroppo impresa molto ardua in questo ultimo periodo, e dunque quanto fa "Nuova Consonanza" è doppiamente benemerito.
Bruno Cagli (Presidente dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia)

50 di musica nuova sono un traguardo invidiabile! A Nuova Consonanza l’auguro più sentito di continuare con sempre maggiori successi sulla strada della modernità.
Ivan Fedele (Direttore artistico della Biennale Musica e docente di composizione presso l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia)

3 e 32” Naufragio di terra (nuova versione) 
dettaglio opera:
scena drammatica per voce narrante e coro misto in memoria del terremoto del 6 aprile 2009, L’Aquila
 
NOMI LEGATI ALL'OPERA:
Lucia Ronchetti - compositore
Guido Barbieri - autore testo, drammaturgia, concept

ORGANICO: voce, coro misto
 
ANNO: 2009-2013
DURATA: 50' 00''
FORME: vocale a cappella
 NOTE:
Testi tratti dalle testimonianze raccolte da Guido Barbieri con frammenti da Hölderlin, Shelley, Voltaire.
 
Esecuzione dal vivo
.
Prima esecuzione assoluta
Titolo:
Doppio Dittico per i 50
Interpreti: Guido Barbieri (voce), Coro L. Sabatini di Albano (coro), Anna Di Baldo (direttore di coro), Coro in Maschera di Ariccia (coro), Marta Zanazzi (direttore di coro)
Data: 14 11 2013
Luogo: Sala Casella, Filarmonica Romana, Roma - Italia
Emittente o ente organizzatore:
Nuova Consonanza
Ciclo di esecuzioni:
Festival di Nuova Consonanza